Cosa significherà viaggiare dopo il covid-19

20
0
Share:

Al momento in cui scriviamo (primi di maggio) ci sono norme da seguire fino al 17 maggio 2020 che andranno via via cambiando in base alla situazione dei contagi.

In base alla normativa vigente, fino al 17 maggio sono vietati tutti i viaggi e gli spostamenti sul territorio nazionale.

ORA

La direttiva prescrive che in Italia:

– si può uscire dal proprio domicilio per muoversi all’interno della propria regione in uno dei seguenti casi: per andare al lavoro, per motivi di salute, per necessità (il decreto del 26 aprile include in tale ipotesi quella di visita ai famosi “congiunti”) o per svolgere attività sportiva o motoria all’aperto;
– gli spostamenti al di fuori della propria regione deve essere motivato da “esigenze lavorative o situazioni di necessità o motivi di salute”;
– è consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza, anche se comporta uno spostamento tra regioni diverse;
– le ragioni degli spostamenti fuori dalla propria regione devono essere messe per iscritto in un modulo di autocertificazione, che può anche essere compilato sul momento durante un controllo.

Viaggi turistici

Quasi tutti i paesi del mondo hanno fermato i viaggi di turismo (elenco completo su viaggiaresicuri.it).

Riguardo i paesi confinanti l’Italia

In Slovenia, in caso di provenienza dall’Italia si entra con certificato medico, o in assenza dopo aver misurato la temperatura inferiore a 37 gradi e mezzo.
In Austria chi provene dall’Italia via terra può entrare con certificato medico attestante la negatività al test del Coronavirus. Si può attraversare il paese a condizione che il transito avvenga senza soste. Fermati i 47 valichi confinari “minori” su un totale di 56 di frontiera con l’Italia.
In Svizzera si può transitare, non ci si può fermare provenedo dall’Italia, tranne i cittadini svizzeri in rientro, di stranieri con permesso di soggiorno svizzero e i lavoratori frontalieri.
In Francia si può entrare con autocertificazione (scaricabile nei vari modelli qui) e non si è più sottoposti a quarantena provenendo dall’Italia.

 

Altri

Moltri altri paesi esteri impediscono l’ingresso o sottopongono gli italiani a quarantena (cerca l’elenco completo).

Quindi viaggiare all’estero non è semplice, se non per lavoro e in particolari casi.
Il Turismo aspetta con ansia un cambiamento della situazione contagio.

https://www.travelkeller.com/10-libri-di-viaggio-da-leggere-in-questo-periodo/

https://www.travelkeller.com/10-libri-di-viaggio-da-leggere-in-questo-periodo/

IN FUTURO COME VIAGGEREMO

E’ probabile che il modo più sicuro di viaggiare sarà a breve distanza con mezzi propri, a lunga con voli. Infatti negli aeroporti ci saranno controlli con termoscanner per tutti i passeggeri dei voli internazionali e nazionali in ingresso e in uscita: ciò è molto probabile anche se non riguarda l’orizzonte temporale più vicino. Anche le navi si preparano ad adottare tutti i controlli di bordo degli aerei.

Sceglieremo un turismo di prossimità, ripartiremo e #ripartiamodallItalia, che è un hashtag diffuso che vi invitiamo a sostenere.

I turisti preferiranno gli appartamenti e gli hotel ultracontrollati, magari si sposteranno in camper o in bicicletta per un nuovo tipo di vacanza green.

Le grandi catene internazionali di hotel si sono già attivate con sanificazioni, dpi, e procedure nuove di sicurezza. Ma non tutti si potranno permettere il grande hotel, mentre il viaggio è e resterà un bisogno di tutti, per piccoli e grandi portafogli.

 

Probabilmente si preferiranno mete all’aria aperta e alcune tipologie di villeggiature verranno preferite ad altre (appartamenti e B&b versus crociere e hotel).

(I dati statistici a riguardo sono pubblicati su “Il Corriere della Sera”).

 

In generale, secondo le statistiche l’eliminazione dei blocchi alla frontiera dei vari paesi non ci sarà prima di dicembre 2020.

La ripresa sarà lenta, per motivi psicologici, economici e pratici. Si prevede che  in modo massiccio avverrà tra il 2021 e il 2022.

Ma ricominceremo a vivere memori di quello che abbiamo passato, ne siamo certi.

 

#pensandoalprossimoviaggio

#covid19

#torneremoaviaggiare

Share:

Leave a reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.