Le nostre mete romantiche per San Valentino

Share:
Duino

14 febbraio 2020: quest’anno capita di venerdì. Avete tre giorni 3,  il tempo minimo necessario per riposarvi e coccolarvi davvero (3: non avete scusanti).

In un weekend si può scegliere una località termale o una città d’arte per concedersi tempo nel giorno degli innamorati. Parto dal presupposto scontato che se ci si ama si sta bene ovunque e in qualsiasi modo.

Sembra retorica, ma se ci siete passati farete di sì con la testa, e se ci riflettete bene alla luce dei vostri  *****anta anni, sapete che con i miei  **enta******* sto affermando una cosa saggia!

Però ci sono mete che vi resteranno nel cuore specialmente se le vivete in coppia: ne consiglierei 3 tra quelle sperimentate personalmente!

1-  L’alta Montagna

Il clima montano porta a cercare il calore, i colori degli arredi degli chalet di montagna sanno di terra

al Garnì Sayonara, Moena

e tradizione, la spossatezza che si ha dopo gli sport invernali aiuta a rilassarsi. Sci, camminate, ciaspolate per stare insieme e accendere l’adrenalina; saune e spa per godere del giusto relax, cibi genuini e vini buoni per sentirsi meglio; dolcetti nordici per tornare ai tempi dell’infanzia; profumi di cannella e spezie per connettere tutti i sensi.

Quelle che ho descritto sono solo alcuni degli effetti che un break in montagna può avere sulla coppia, ecco perché lo consiglio caldamente. Oltre al fatto che io ci vivo, in montagna!

LIVIGNO (SO)

Una meta interessante può essere Livigno, in alta Valtellina sulle Alpi, in un altipiano a 1816 m slm dove si può scegliere tra lo sci, il relax (per esempio nella piscina e spa Aquagranda), gli sport avventurosi, lo shopping, la gita nella slitta trainata da cavalli. Quest’ultima, in particolare, pare molto adatta al giorno di San Valentino perché consente di tornare un po’ indietro nel tempo tra silenzio e la tranquillità del panorama immacolato del Vago.

Si può anche provare lo slittino all’Ice Arena di Livigno.
L’opzione “relax al calduccio”, invece, riguarda l’Aquagranda, un luogo che consigliamo anche per la disponibilità di servizi e pacchetti: il 14 febbraio si potrà scegliere tra il pacchetto “Relax d’Amore”, “Re e Regina di Cuori” (petali di rosa, Candle Massage, Rituali Aufguss, Bagno Turco e cena romantica) e “Emozioni e Vibrazioni” (validi dal 14 al 23 febbraio). Dalle ore 13.30 alle ore 20.00, a seconda della fascia oraria, il pacchetto “Relax d’Amore” (prezzo: 39 euro a persona) offre quattro diversi rituali di benessere con una conclusione comune: un brindisi nella tinozza d’acqua calda e una cena a scelta tra due menu di carne o pesce al prezzo aggiuntivo di 45 euro a persona (bevande incluse). In “Emozioni e Vibrazioni” un viaggio nei sensi di 40 minuti accompagnati dalle campane tibetane, nella Stanza del Sale, rituali Aufguss, scrub nel Bagno Turco (150 euro a coppia).

 

POZZA DI FASSA (TN) e la Val di Fassa

Restando in tema terme di montagna ci sentiamo di indicarvi Pozza di Fassa e le sue terme, con acqua curativa, QC Terme, una catena oramai famosa e diffusa nelle maggiori località turistiche di alto livello italiane. Nelle terme di Pozza, in val di Fassa, potrete trovare vari pacchetti dall’ingresso e massaggio di coppia valido in tutti i centri QC Terme (percorso benessere per due e massaggio di coppia di 50′ al costro di 248 euro) al Day Relax di coppia, ingresso e kit cosmesi (128 euro). La particolarità di questa sede termale è la sua posizione: nel mezzo della valle dove si vedono le (più belle?) Dolomiti Patrimonio UNESCO, in una struttura che spicca per l’integrazione con il contesto naturale circostante, grazie alla scelta di materiali ecosostenibili e recupero della tradizione ladina per gli arredi interni e le decorazioni esterne. Una meta che in effetti consigliamo anche per l’estate.

Pozza può essere un punto di partenza per visitare tutta la Val di Fassa, che si estende da Moena a Canazei (scopri i nostri racconti)

 

QC Terme a Pozza di Fassa

 

 

Il Sassolungo, Piz Selva e Piz Ciavazes dal Sas Pordoi, nei pressi del rifugio Maria (Balcone delle Dolomiti)

Sassolungo, Piz Selva e Piz Ciavazes dal Sass Pordoi, nei pressi del Rifugio Maria (cd. Balcone delle Dolomiti 2950 m)

2- I castelli di Duino e Miramare

noi, nel castello di Miramare

 

Quale luogo più romantico che un castello per suggellare un grande amore? Nelle fiabe e nelle leggende, tra drammi e tragedie, con lieti fine o no, i racconti di amanti impavidi e regali mura sono diffusi in qualsiasi letteratura. Duino e Miramare sono vicini tra loro e vicinissimi a un altrettanto affascinante grande centro, Trieste (dedicheremo una pagina solo a questa perla mitteleuropea).

una statua dedicata a Italo Svevo sui canali che portano al molo di Trieste.

una statua dedicata a Italo Svevo sui canali che portano al molo di Trieste

Entrambi i castelli sono bellissimi anche perché sono a picco sul mare, e con la possibilità di fare passeggiate romantiche nei pressi delle fortezze, nei parchi e di vederli nella stessa giornata. Scoprirete così le storie delle famiglie e degli amori, che qui sono scoppiati, lasciando le loro tracce indelebili.

duino

Duino

Il Castello di Duino si raggiunge venendo da sud in direzione Trieste, guidando per la strada costiera; per chi viene dalla città il lungomare di Barcola conduce al Castello di Miramare. Il Castello di Duino è di proprietà della famiglia Della Torre, ma è aperto al pubblico. A strapiombo sul mare, sulla splendida Spiaggia del Principe, costruito su uno sperone roccioso nel 1389 dal Capitano Ugone di Duino. Si dice che la dama bianca, donna scaraventata nel mare dalla torre, sia oggi un fantasma che lo abita. La leggenda vuole che il Cielo colpito dalla bellezza della donna uccisa, l’abbia trasformata in un gruppo roccioso visibile dal mare.

Il Castello di Miramare colpisce per la sua bellezza e bianchezza. Sul mare di Trieste e sulla sua passeggiata frequentata la domenica da molti triestini, spicca per magnificenza ed eleganza.

Fu eretto tra il 1856 ed il 1860 dall’arciduca Massimiliano d’Asburgo per la moglie Carlotta, che vi soggiornò, ma vi trovò quasi una prigione, chiusa nel dolore dopo la perdita dello sposo in Messico. Intorno c’è uno splendido parco; all’interno gli appartamenti, le stanze degli ospiti, i vari saloni, la biblioteca-studio, la sala del trono recentemente restaurata. (Info www.castello-miramare.it )

il mare di Trieste

il mare di Trieste

3 – La Costiera Amalfitana

Se siete fortunati con il bel tempo potreste godere di una costiera mite tanto da farvi dimenticare l’inverno. Questa costa che da Salerno va a Ravello e Amalfi è una delle più belle del mondo, perché ha un fascino tradizionale che non trovarete altrove.
A Ravello, citta del festival musicale che richiama appassionati da tutto il mondo, vi potreste affacciare dallo scenografico Belvedere di Mercurio, il punto più sporgente dello sperone su cui sorge Ravello.
Amalfi è la perla della Costiera e città storica con il suo Duomo di S. Andrea.
Praiano e Positano offrono tradizione e suggestive stradine in cui perdersi. Potrete assaggiare le prelibatezze della cucina campana, con una granita al limone o uno squisito limoncello fatto in casa.
Noi abbiamo raccontato bene Praiano, nostro luogo del cuore, qui.

 

 

la vista dall’hotel le Sirene di Praiano, Costiera Amalfitana

 

Share:

Leave a reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.